#quartierelatino

320822190_6dbadda2bd_zDa domani, 1° aprile, e fino al 30 giugno ci sarà un mio breve articolo, tutti i giorni, in prima pagina su «Avvenire». È lo spazio tradizionalmente occupato dal “Mattutino” del cardinal Ravasi, nel quale si sono susseguiti negli anni Erri De Luca, Roberto Mussapi, Ferruccio Parazzoli, Mariapia Veladiano, Davide Rondoni, Marina Corradi, Salvatore Mannuzzu e altri maestri, altri amici (Guido Oldani, per esempio, il cui impegno si è appena concluso). Adesso tocca a me, ed è abbastanza difficile spiegare quanto questo incarico mi onori e mi emozioni. La rubrica si intitola “Quartiere latino” ed è un tentativo di sostenere le ragioni dell’umanesimo, e cioè della letteratura e dell’arte, del cinema e della poesia in ogni sua espressione. Sono, nelle mie intenzioni, piccoli racconti che prendono spunto da una frase, da un’immagine, a volte da una sola parola di quelle che i grandi libri (e i grandi film, le grandi opere in generale) sanno offrire al nostro stupore. Ringrazio il direttore Marco Tarquinio, che ha voluto affidarmi questo compito. La prima puntata inizia così: «Si chiama umanesimo perché riguarda gli esseri umani». Il resto lo leggete sul giornale, nei prossimi tre mesi.

Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterPrint this pageShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+
Questa voce è stata pubblicata in Idee. Aggiungi ai segnalibri il permalink.